eCall di serie sulla Stella

News

Dal 31 marzo 2018, in ottemperanza alla disposizione UE 2015/758, tutte le autovetture nuove omologate a partire da tale data dovranno essere dotate di serie di un sistema eCall dell’Unione Europea. Per Mercedes-Benz è già una realtà: la chiamata d’emergenza Mercedes-Benz viene offerta dal 2012 ed è diventata un equipaggiamento di serie di tutti i modelli fin dal settembre del 2014, data che ha segnato l’introduzione sul mercato di Mercedes me. Attualmente la chiamata d’emergenza è disponibile in 35 Paesi europei. In situazioni d’emergenza durante viaggi all’estero è poi particolarmente utile che, in quasi tutti i Paesi, la comunicazione non avviene nella lingua dello Stato in cui ci si trova, bensì nella lingua che il guidatore ha impostato nel sistema di infotainment.

Tutti noi abbiamo paura degli incidenti stradali. Ancora peggiore è però la prospettiva di non essere in condizione di chiamare i soccorsi e non poter essere trovati. Soprattutto perché, dopo un incidente grave, ogni secondo è cruciale. Dopo un grave incidente, la chiamata d’emergenza Mercedes-Benz può informare automaticamente i servizi di soccorso in brevissimo tempo. Questi ricevono l’esatta posizione GPS della vettura ed ulteriori importanti informazioni, come il numero delle persone rilevate a bordo (sulla base dei dispositivi di chiusura delle cinture di sicurezza scattati) ed il senso di marcia dell’auto.

Tutti gli attuali modelli del Marchio della Stella includono di serie la chiamata d’emergenza Mercedes‑Benz. Il sistema di chiamata d’emergenza è attivo gratuitamente per il Cliente lungo l’intero ciclo di vita della vettura. Interviene automaticamente, ma può essere attivato anche dal guidatore mediante il relativo pulsante nella vettura. L’attivazione manuale serve, ad esempio, per comunicare un incidente al quale si assiste oppure per chiamare soccorso qualora un occupante della vettura accusi un malore, come ad esempio un infarto.

La chiamata d’emergenza si attiva automaticamente non appena entra in funzione un pretensionatore pirotecnico o un airbag. La vettura stabilisce quindi una comunicazione vocale con la centrale d’emergenza Mercedes-Benz. Se a bordo non risponde nessuno, la centrale allerta immediatamente il più vicino servizio di pronto intervento.

Le centrali del servizio di chiamata d’emergenza Mercedes-Benz per l’Europa hanno sede a Magdeburgo, Berlino e Barcellona; i Clienti Mercedes-Benz asiatici ricevono assistenza dalle città di Tokyo, Shanghai e Manila. Attualmente più di 3,5 milioni di vetture Mercedes-Benz sono dotate di questo equipaggiamento. Il dato non prende in considerazione le auto vendute negli USA, dove il sistema di chiamata d’emergenza Mercedes-Benz viene montato di serie su tutte le autovetture già dal 1998.

Attualmente la chiamata d’emergenza Mercedes-Benz è disponibile in 35 Paesi europei, anche se in alcuni di questi Stati il servizio non sarà obbligatorio ai sensi della legge a partire dal 31 marzo 2018.

Mercedes-Benz ha introdotto il sistema di chiamata d’emergenza già nel 2012 in combinazione con il COMAND Online. Dopo questa variante basata sul cellulare, a settembre del 2014 con Mercedes me è seguita la funzione di chiamata d’emergenza stabilmente integrata nella vettura. Nello stadio di sviluppo attuale, i dati vengono inviati tramite il modulo di comunicazione Mercedes me con SIM Card integrata, quindi indipendentemente dal collegamento tra il telefono del Cliente e la vettura.

Le apposite centrali europee Mercedes-Benz ricevono ogni mese circa 20.000 chiamate d’emergenza. Secondo i dati forniti dalla Commissione Europea, l’allerta lanciata tempestivamente dal servizio eCall e la conoscenza delle coordinate relative al luogo dell’incidente consentirebbero di ridurre i tempi di arrivo dei soccorsi del 50% nelle zone rurali e del 40% in città. In questo modo sarebbero 2.500 le vittime della strada che potrebbero essere salvate ogni anno nell’Unione Europea.

Rispetto al servizio eCall prescritto per legge, la funzione di chiamata d’emergenza di Mercedes-Benz offre funzioni supplementari. La comunicazione, ad esempio, non avviene nella lingua del Paese in cui ci si trova, bensì in quella impostata dal guidatore nel sistema di infotainment. Si tratta di un aspetto molto importante per i casi d’emergenza che si verificano all’estero, ad esempio se un turista italiano subisce un incidente durante una vacanza in Spagna. Una volta ricevuta la chiamata, le centrali d’emergenza Mercedes‑Benz allertano la più vicina centrale di soccorso.

Un’ulteriore particolarità Mercedes-Benz: oltre alla trasmissione dei dati mediante il modulo di comunicazione integrato nella vettura, i principali dati sull’incidente vengono trasmessi alla centrale d’emergenza Mercedes-Benz anche tramite SMS: un contributo rilevante ai fini della sicurezza del trasferimento dei dati.


Fonte: mercedes-benz.it